Take a train just to end up at a station? Look at a train station not as a waypoint but as a destination, and pass an entire day there in contemplation without going outside? It sounds crazy, but it’s justifiable if the station in question is the one designed by architect Santiago Calatrava. We’re talking about the new high-speed rail station Mediopadana in Reggio Emilia, in north-central Italy, an unexpected wave of energy in the middle of a plain.
The structure, in steel and concrete, is painted white, and creates a succession of staggered portals totaling 484 meters in length, a wave that seems infinite, that plays games with light and shadow, in endless motion.
It’s a point of departure and arrival capable of nurturing emotions and leaving a lasting trace. Let yourself be carried away by it!

Prendere un treno avendo come meta una stazione . Considerla non come luogo di passaggio ma di arrivo, e starci tutto il giorno in contemplazione senza uscirne . Suona bizzarro, ma è giustificato se la stazione di cui si sta parlando è progettata dall’architetto Santiago Calatrava. Si parla della nuova stazione ferroviaria Mediopadana, un’ inaspettata ondata di energia nel mezzo della pianura. La struttura è in acciaio e calcestruzzo tinteggiati di bianco, una successione di portali sfalsati per un totale 484 metri: un’onda che pare infinita, che crea giochi di luce, di ombre…tutto in continuo movimento. Un luogo di arrivi e di partenze capace di ospitare emozioni e di lasciare il segno: Lasciatevi travolgere!

2

1A

4

12

5

8

23

3

21

19

9

16

24

25